tirare a campare

Pubblicato il da antonio sassano

Ciò che dicevamo lo scorso anno si sta puntualmente verificando. Allora era piuttosto facile ipotizzare che i dati sulle assunzioni del 2015 erano gonfiati e solamente frutto dei soldi che il governo assicurava alle imprese. Ora che i soldi sono finiti ecco che puntualmente gli imprenditori Italiani si confermano per quello che sono, degli scarsi cialtroni,e cominciano a licenziare almeno fino al prossimo aiuto di stato ,tanto i soldi per le imprese si trovano sempre. Ora tutti i dati diffusi in questi giorni sono negativi, i contratti a tempo indeterminato calano e la disoccupazione aumenta vertiginosamente. Hanno cercato di farci credere che con il Jobs Act nascevano nuovi posti di lavoro, ma erano posti di lavoro sovvenzionati dallo stato e finite le sovvenzioni grazie all'abolizione dell'art. 18 le imprese hanno trovato via libera per licenziare.Alla faccia dei rosiconi della sinistra e della CGIL che queste cose le dicevano già prima che si approvasse la riforma del lavoro.Il declino dell’Italia continua. Renzi e il suo governo non hanno invertito alcuna tendenza, continuando ad assecondare le ricette neoliberiste nella speranza di agganciare il carro della ripresa internazionale.Non hanno uno straccio di piano, alcuna veduta di futuro, nessun progetto per il paese perchè è questa la loro cultura ,fare affari e tirare a campare.

Con tag opinioni

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post