malati di personalismo

Pubblicato il da antonio sassano

malati di personalismo

Il tema della democrazia è il tema di questa fase storica e si vede dal dibattito piuttosto aspro di questi giorni non solo influenzato da una legge elettorale o da una modifica costituzionale ,quanto dal fatto che abbiamo una classe politica - tutta, non solo i cinque stelle - priva di pensiero autonomo, prigioniera di estremismi senili dell’uno o dell’altro campo, si tratti di quotidiani che devono recuperare copie o di politologi-costituzionalisti con la cultura del piccolo chimico.Tutti fingono di non sapere che la grande questione irrisolta dell’Europa e dell’Italia è la sparizione dei partiti come aggregati di popolo e la parziale sparizione di figure intermedie che una volta dicevasi, segretari di sezioni e organismi direttivi,iscritti, semplici militanti.Oggi c'è solo gente malata di personalizzazione. Non c’è nessuno - scrivo consapevolmente “nessuno” - che non abbia portato il suo contributo a questa personalizzazione della politica. Non nasce tutto con Renzi. Non c’è leader della sinistra che abbia usato il “noi”, che sia uscito di scena convinto di aver dato e preso, mentre è dilagata la convinzione della propria indispensabilità.E per l'irresponsabilità di questi politicanti malati che stanno estremizzando il referendum come fosse una questione di vita o di morte, come ultima spiaggia per il nostro paese che diamo un'immagine diversa di noi all'estero e al mondo intero. Diciamo come stanno le cose. Obama e il Pse intervengono perché ci vedono con le pezze al culo, protestare è inutile, cambiare e dare una immagine diversa dell’Italia sarebbe la via giusta, ma ancora una volta si è persa l'occasione ,hanno spaccato il paese per delle riforme farlocche in un momento difficile e di allerta per la democrazia in Italia e in Europa.

malati di personalismo

Con tag opinioni

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post