sarebbe ora ( 2 )

Pubblicato il da antonio sassano

sarebbe ora ( 2 )

Ci vorrebbero dei luoghi di incontro, reali più che virtuali, in cui le persone si incontrano esponendosi agli altri generosamente e cercando di fare delle cose insieme , azioni che possono essere di riflessione di svago o di contestazione, di confronto intellettuale o di produzione artistica, ma sempre con l’intenzione di tenere vivo un intreccio di umori e di gesti in cui sia riconoscibile allo stesso tempo la matrice individuale e la tensione corale . È inutile arroventarsi, aggrovigliarsi. Bisogna distendersi e discutere pacatamente senza arrendersi al tempo che passa. A tal proposito mi piace evocare alla rinfusa suggestioni per chi intende candidarsi o crede di avere volontà e sufficiente tempo da dedicare gli abitanti nell'avventura di amministratore.Inutile dire che certi protagonismi individuali non hanno favorito la nascita di un soggetto politico aggiornato e realmente alternativo ma hanno consentito la prevalenza di una classe dirigente spesso impresentabile e priva di un reale consenso popolare, anche se alcuni erano counque in grado di garantirsi pacchetti di voti in aree amiche o per l'appartenenza a famiglie numerose di componenti, e in un piccolo paese può fare la differenza. In questo quadro appare ogni giorno più evidente la responsabilità delle forze, anche di sinistra, che non hanno saputo o voluto operare in modo diverso finendo col trasformare i partiti in comitati elettorali. Ora che i partiti così come li abbiamo conosciuti non ci sono più, non ha più senso ripercorrere gli stessi tracciati, bisogna ripartire dal basso e individuare figure integre che abbiano capacità e creatività, e possono essere individuate in tutte le fasce di età e di ceto e che dispongono di tempo e volontà di impegnarsi per il bene comune, solo così potremo davvero vedere le cose cambiare e levarci dalla realtà del momento che stiamo vivendo.

Con tag comune

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post