una sera d'inverno

Pubblicato il da antonio sassano

​E una tarda sera d'inverno, esco in giardino a fumarmi una sigaretta prima di andare a dormire, mi serve, quando mi sento un tantino depresso mi aiuta ,mi ridà energia.Serata tranquilla, un po ventosa e abbastanza frizzante, questa prima metà di Febbraio. Alzo lo sguardo e vedo uno scenario inconsueto in questa stagione, c'è un cielo pieno di stelle, sembrano essersi radunate davanti ai miei occhi, luccicano e avverto una sensazione quasi di coinvolgimento e mi chiedo dove sia la mia stella. Mi chiedo cosa hanno le sere come questa per avvertirle come speciali. Sarà forse il riconoscerle ,il cercare di interpretarle per andare avanti. Ma è troppo difficile in una sera spiegarmi parte della vita, e poi, che senso ha, sarebbe come se qualcuno mi spiegasse del perchè di una stella. Non mi serve ,mi basta vederla nel suo brillare. Manca la luna, è forse per questo che ci sono così tante stelle in libertà. Vorrei il mio sacco a pelo, quello delle sere d'estate di tanti anni fa a Kardamilli, mi metteva in sintonia con il cielo stellato del Peloponneso, quello che sapeva di libertà. Cosa non farei per abbracciarla, è ciò che cerco sempre a costo di farmi poi dei nemici. Spesso il mio senso di libertà è sopraffatto dal dovere della vita quotidiana ed io non sono il vero me stesso. La vita si impone, detta legge sul suolo, ma qui , questa sera, nell'infinito ogni mio pensiero spazia sino al riflesso più lontano, e in quel riflesso colgo solo la parte più fragile della mia umanità.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Giuseppe 02/11/2015 13:52

Anche io qualche volta penso a Kardamilli e mi rendo conto che senza quell'esperienza, oggi non sarei la stessa persona .....grazie Antonio.

Giuseppe 02/13/2015 21:57

A volte siamo tristi e scoraggiati ma è forse pensando a tutte le persone che ci vogliono bene che riusciamo ad andare avanti.

antonio sassano 02/12/2015 14:07

quanti anni sono passati ,sarà perchè ero più giovane ma allora ero libero e felice