Tsipras

Pubblicato il da antonio sassano

Domenica 25 Gennaio Syriza è diventato il primo partito della Grecia vincendo le elezioni per il rinnovo del parlamento , pur non ottenendo la maggioranza assoluta per due soli seggi, Alexis Tsipras da questa mattina è il nuovo primo ministro della Grecia. Qui siamo di fronte al primo politico Europeo che vince le elezioni dichiarando esplicitamente che il suo modello di Europa è diverso da quello della Troika, e che dichiara "vincendo " che la politica del rigore per quello che riguarda il suo paese è da considerarsi conclusa. Il programma di Tsipras e del suo partito Syriza è stato approvato alla fiera internazionale di Salonicco il 15 Settembre del 2014, non parla affatto dell'uscita della Grecia dall'Europa e neanche dall'Euro ma cercherà di rinegoziare il debito pubblico e farà in modo di aprire una trattativa con i vertici europei per una inversione di rotta delle politiche dell'austerità e del rigore. In Italia, ma anche alla Leopolda, fino a poco tempo fa ,parlare di questi argomenti era tabù, e chi proponeva queste alternative non trovava spazio mediatico per esporle, e quando qualcuno li accennava veniva additato come pazzo, buffone,antidemocratico, antiEuropeo, incompetente fino a diventare vittima della peggiore gogna mediatica. Oggi questa posizione che ha assunto la Grecia pare servita sul vassoio ai nostri dirigenti nazionali che da alcune ore si dichiarano quasi tutti soddisfatti della vittoria di Tsipras a cominciare dagli autorevoli esponenti del PD che , intravvedono nella vittoria di Syriza la speranza di un'inversione di rotta delle politiche che fin qui adottate nel vecchio continente e che hanno provocato in questi ultimi anni solo recessione, disoccupazione e disperazione sopratutto tra le giovani generazioni. E ora di tentare di costruire una vera unità Europea più politica più libera più solidale e più eguale per un futuro che aspiri a creare più tranquillità e benessere dei suoi popoli.

Tsipras
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post