tanto abbiamo il patto del Nazareno

Pubblicato il da antonio sassano

La gente comincia ad essere veramente stanca, ormai molte situazioni stanno minando la tenuta del paese, per prima l'emergenza occupazionale i dati che diffondono per me sono falsi ,almeno il doppio di quelle percentuali è ormai senza lavoro o assolutamente precario quasi sopravvive di espedienti. C'è poi il problema della casa sopratutto nelle grandi città come a Milano dove per non aver fatto per anni politiche abitative pare che l'unica speranza sia rivolgersi alla " immobiliare rossa " degli antagonisti che si oppongono agli sgomberi. A Roma interi quartieri scendono in piazza contestando i centri di accoglienza per immigrati dopo che si è trasformato le periferie in discariche anche umane e si mettono poveri contro immigrati. C'è esasperazione e rabbia a Genova e a Carrara dopo il fango. Un paese letteralmente distrutto, fiumi che straripano,laghi che esondano,​colline che franano. Le famiglie e le aziende colpite da simili calamità sono alla disperazione, hanno perso tutto e non hanno alcuna speranza di aiuto da parte di uno stato ormai in bolletta, ma, i nostri politici di fronte a tutto questo che fanno? Loro si preoccupano di legge elettorale, quali soglie di sbarramento per proteggere ciascuno il proprio seggio, quale premio di maggioranza, quali privilegi conservare, naturalmente si guardano bene dall'introdurre preferenze. Noi elettori siamo chiamati solo a ratificare le loro decisioni, e poco importa se poi a votare ci va solo un terzo degli aventi diritto come è accaduto ieri in Emilia Romagna, tanto abbiamo il patto del Nazareno che è vivo e lotta insieme a noi ; il patto delle non riforme tra il non eletto e il non eleggibile.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post