verso il PDR

Pubblicato il da antonio sassano

​Renzi è il peggio del peggio è l'evoluzione del peggio che sta distruggendo l'Italia dagli anni 8o ai nostri giorni.Nonostante aveva sbandierato la volontà di farsi sentire e di favorire una svolta delle politiche europee, continua ad accettare condizioni capestro e così, sopratutto i ceti inferiori, ma non solo, stanno pagando un prezzo durissimo, e ribadisco i ceti più poveri che sarebbero quelli che dovrebbero essere protetti dal PD da un partito che si vuole di centrosinistra. Lo fa con la complicità di una informazione servile e condizionata da corporazioni e gruppi di potere, ma anche con il sostegno di una parte importante dell'elettorato che fino a ieri votava centrodestra. Gente spesso priva di una mentalità da economia basata sul merito, allergica alla concorrenza e alla competizione e quindi alla meritocrazia, popolo abitato da sempre a strisciare sotto il tavolo del padronotto di turno per raccogliere le briciole, privo del senso del bene comune e pronto a servire questo e il suo contrario pensando sempre di ottenere qualcosa , un favore, una raccomandazione anche quando questo significa far pagare gli altri. Se a questi si aggiungono un'altra considerevole parte di cittadini che o per convincimento o per svogliatezza credono che la soluzione dei problemi sia l'uomo forte al comando ,il gioco è fatto. In una situazione come questa ,dove la fiducia dei partiti e della politica è pari a zero, dove non esiste più rapporto e discussione tra base e rappresentanza, ne luoghi di confronto come nel passato lo erano le sezioni, ne iscritti garanti di una strategia culturale e politica, ma solo elettori utili a ratificare il consenso, ecco che prende sempre più forma il partito unico, quello che molti renziani sognano, il partito della nazione il PDR ( partito di renzi ). Che fare ?

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post